Un bagaglio d’umanità

694

A volte c’è bisogno di qualcosa di forte ed impattante per far recepire il messaggio in un certo modo e si può dire che stavolta, Amnesty International, è riuscita perfettamente a raggiungere lo scopo.

Guardate il video e soprattutto le espressioni sbigottite degli “spettatori”.

Un’azione di social guerrilla che non lascia spazio all’immaginazione e che riesce a sconvolgere immediatamente tutti coloro che assistono, sia fisicamente che virtualmente grazie alle riprese.

La nota associazione umanitaria ha voluto festeggiare così il 60esimo anniversario e, nonostante il fatto che azioni di questo tipo siano state già utilizzate per scopi di guerrila marketing, Amnesty International è riuscita a creare un’eco pazzesco sia sul web sia sui canali tradizionali.

La tratta degli essere umani è una tematica che, troppo spesso, non viene menzionata e non trova spazio nei vari programmi d’informazione (cartacei o digitali che siano).

Se  l’unconventional può servire per attirare l’attenzione, che unconventional sia!

Marusca Cesare
Press & marketing
CDCM Pro