Comunicare significa condividere. Così si diventa Don Giovanni!

2122

Armando Testa con  la campagna pubblicitaria per Baci Perugina, “From Giovanni to Don Giovanni“, ha ricevuto il Leone D’oro a Cannes.

Cit.“Si è scelto di premiare la creatività, ma soprattutto la semplicità di una campagna che è riuscita a enfatizzare il legame ormai sempre più consolidato tra la comunicazione del brand e i suoi consumatori.”

Cannes, quindi, premia la creatività e la semplicità tutta Italiana grazie alla quale, un brand già molto affermato da anni, è riuscito nuovamente a catturare e coinvolgere utenti on e offline.

Tutto nasce in maniera tale da far emergere non l’azione di marketing ma, piuttosto, la voglia di condivisione da parte del povero Giovanni, timido e bruttino, innamorato della bella Gaia, vicina di casa che non se lo fila nemmeno per sbaglio.

La storia in sé è già molto ben collaudata e conosciuta: un amore non corrisposto tra lo “sfigato” e “la bellona” di turno.

Stavolta però nessuno dovrà ricorrere a pozioni magiche o incantesimi perché il nostro eroe sa benissimo che Internet, per le questioni di cuore, è un preziosissimo alleato (tanto più se la sua bella gli ha detto che lo bacerà solo se saranno in 50.000 a chiederglielo!).

Detto, fatto.

Che ci vuole a fare un video su Youtube nel quale si chiede ad amici, parenti, conoscenti ed estranei di mandare una mail, con oggetto: bacia Giovanni, alla diretta interessata!?

Cara Gaia, pensavi di scampartela proprio nell’epoca dei social network?

Naaaaaaa 😉

Nel giro di pochi giorni, grazie ad una serie di video e ad una pagina su Facebook creata a misura, il buon Giovanni raggiunge lo scopo e grazie al sostegno di ben 50.000 utenti, riceve il sospirato bacio.

In una modalità del tutto innovativa la campagna Baci Perugina del cliente Nestlè riesce a porsi come una reale testimonianza di comunicazione integrata, di brand che si spoglia delle sue pretese di onnipotenza per manifestarsi e consolidarsi attraverso la condivisione della rete. Nei primi video inseriti su youtube non viene dichiarato il brand, ma Giovanni si pone come un utente comune, poi nei video seguenti invita gli utenti a visitare il sito baci Perugina e a scatenare la propria creatività per creare messaggi d’amore.

Parole d’ordine: DIRE, FARE, BACIARE e, ovviamente, PARTECIPARE.

Le persone sono state coinvolte in prima linea, impersonificando  Cupidi High Tech che, al posto della freccia, usano la tastiera del pc!

Insomma, un uso sapiente e creativo di tutti quegli strumenti atti a portare avanti una campagna di marketing mix decisamente impattante.

Il web, in questo caso, è stato il media che ha potenziato maggiormente l’efficacia della strategia ma, ovviamete, non è stato l’unico protagonista della campagna.

Innovazione (internet) e tradizione (eventi in città, tv, stampa etc.) sono riusciti ad incastrarsi perfettamente nella logica della condivisione facendo sentire le persone parte di un progetto, parte di un mondo che continua a vivere anche dopo l’acquisto del prodotto.

“L’operazione Baci Perugina ci ha  dimostrato che se si riesce cogliere la reale essenza della rete, a valorizzarne la capacità interattiva, e ad inserirla all’interno di un processo di comunicazione cross mediale, i risulati possono essere molto concreti. La comunicazione sul web si inserisce all’interno del processo di marketing, valorizzandone il linguaggio e connotandolo sempre più di un carattere fortemente esperienziale.”

Fonte: Ninjamarketing

Marusca Cesare
Press & Marketing
CDCM Pro