Città “impacchettate” in Svizzera per incentivare l’uso del casco in bici

952

città impacchettateIn Svizzera si parla di prevenzione degli incidenti che potrebbero capitare per strada, con un sistema molto particolare: gli oggetti potenzialmente pericolosi sono stati infatti imbottiti!

 In Svizzera ci sono città completamente ricoperte di pluriball, il famosissimo rivestimento imbottito con il quale siamo soliti imballare oggetti fragili, che potrebbero rompersi durante il trasporto, ad esempio, per un trasloco o dopo l’acquisto del prodotto stesso.

A Zurigo e a Bienna, invece, questo rivestimento protettivo è stato collocato in giro per la città, per poter proteggere gli oggetti potenzialmente pericolosi in strada. In tutto si tratta di 150 oggetti che potrebbero risultare particolarmente dannosi in caso di incidente ciclistico, soprattutto se non si usa il casco sulla testa.

L’attenzione verso le due ruote più ecologiche che ci siano è davvero molto alta in Svizzera (patria di campagne unconventional molto particolari) e una dimostrazione è questa campagna decisamente poco convenzionale ideata dal BPA, il Bureau de Prevention des Accidents, ovvero l’ufficio per la prevenzione degli incidenti.

Dopo aver visto la campagna per invitarci a proteggere la nostra testa in bici, ecco quella che ci protegge quando siamo in sella da tutti i pericoli della strada: automobili, lampioni, guard rail e molto altro ancora.

Le “installazioni” sono poi accompagnate da cartelli che ci invitano a utilizzare il casco per proteggerci ancora meglio da tutti questi pericoli per la strada: e sono davvero molti!

 Usate la testa e proteggetela, mettendo sempre il casco!