Posts Taggati ‘social network’

Social Network: Nasce BrickLi.me, dedicato ad appassionati di LEGO

Scritto da Elena on . Postato in Digital World

Quando un marchio è molto forte, conosciuto ed apprezzato, può capitare che nascano siti, creati da fan del prodotto, dedicati ad altri fan del prodotto.

 

BrickLi.me

BrickLi.me è un Social Network creato da fan di LEGO per fan di LEGO

E’ successo anche per i famosissimi mattoncini LEGO, che adesso hanno un nuovo luogo dove riunirsi e scambiarsi informazioni e materiale.
Si tratta di BrickLi.me, e non è stato creato da LEGO, bensì da un entusiasta del prodotto: Jason Forthofer.

L’interfaccia riprende molto da vicino quella di Facebook, ormai il Social Network per antonomasia (almeno secondo la maggior parte degli utenti), e grazie alla sua esistenza, i fan di LEGO possono avere un nuovo spazio per esprimersi.

Cosa può insegnare BrickLi.me alle aziende?
In primo luogo, a non aver paura degli User Generated Content, dato che sono prodotti il più delle volte da autentici fan dei prodotti, e quindi possono portare maggiore visibilità al Brand senza intervento dello stesso Brand per la promozione dei siti creati.
In secondo luogo, in base a quanto condiviso dagli utenti in questi spazi, le aziende potranno imparare a migliorare i propri prodotti e ad allargare le proprie offerte, andando maggiormente incontro alle esigenze dei loro stessi fans.

BrickLi.me non è certo l’unico sito “creato dai fan per i fan“, ma è senz’altro un ottimo esempio di come l’affezione verso un marchio possa produrre effetti positivi anche al di fuori dei siti gestiti dal marchio stesso, e può aiutare a capire le grandissime potenzialità di Internet e degli User Generated Content.

[Ninja Marketing]

English Please:

BrickLi.me: a Social Network for LEGO fans

Social Networks can be created by fans of a product, without the brand’s intervention.
This happened also for BrickLi.me, a Social Network created by LEGO fan Jason Forthofer for other LEGO fans, where people can share their love for the product.

Companies can learn from this experience, knowing that if their product gains enough fans on the internet, sites like BrickLi.me can be created.

These are channels through which the company and the brand can gain more visibility, and where companies can find feedback for their products.

Oltre il Marketing: Instagram come Strumento di Contatto tra Brand e Utenti

Scritto da Elena on . Postato in Digital World

I Social Media non devono essere pensati dalle aziende solo come strumento per ottenere maggiore visibilità per i propri prodotti.

 

Instagram

I Social Network possono essere utilizzati anche per instaurare relazioni che vadano oltre il mero Marketing con i nostri utenti

Spesso, le aziende tendono a vedere i Social Network come uno strumento utile a generare maggiore visibilità, maggiore traffico, e per attrarre i clienti verso i propri prodotti, senza preoccupassi troppo di instaurare vere e proprie relazioni con gli utenti.

In questo modo, le aziende (le marche) restano per il pubblico quasi entità astratte, semplici produttori di oggetti o servizi più o meno utili, dove il canale Social può essere utilizzato sì per la richiesta di chiarimenti ed informazioni, forse anche per porgere le proprie rimostranze, ma resta comunque una specie di universo chiuso in cui, nel canale del Brand, si parla solo del Brand.
Non deve per forza essere così.

Su PSFK infatti è stato pubblicato pochi giorni fa un interessante articolo che illustra come alcuni Brand abbiano utilizzato la piattaforma di condivisione fotografica Instagram per ottenere un rapporto più “umano” con i propri utenti.

Non è infatti difficile portare l’utilizzo di queste piattaforme a quello che potrebbe quasi sembrare un “livello” successivo, in cui gli strumenti non sono utilizzati solo per condividere informazioni a proposito dei propri prodotti, ma anche per “mostrare” agli utenti, tramite la pubblicazione di immagini o altri messaggi di status, come il Brand veda se stesso ed il suo ambiente naturale.

La pubblicazione di una o due foto al giorno non ha un grande costo, ma può aiutare il Brand ad essere visto come più “umano” e quindi più vicino a quello che son gli utenti stessi, e può quindi essere di aiuto nella creazione di vere e proprie relazioni tra utenti e Brand.

English Please:

Using Instagram to have a better relationship with Users

Brands seem to see Social Networks just like another channel to promote themselves, forgetting that this tools can provide them with a new way to communicate and gain a relationship with users.

Sharing pictures can make your company seem more “human”, and customers will be more interested with interactions with such kind of company.

Compravendita di Fan su Facebook. È davvero Utile?

Scritto da Elena on . Postato in Digital World

Sono in forte aumento i siti che offrono la possibilità di acquistare fan per la propria fan page Facebook.


Facebook Fans

Comprare fan per la propria fan page è una forte tentazione, ma è davvero utile?

Gestire una Fan Page su Facebook non è sempre facile, soprattutto agli inizi, quando i fan sono pochi, e non si riesce a trovare un metodo efficace per attirare un numero maggiore di visitatori sulla nostra pagina.
Anche per questa ragione stanno nascendo un numero sempre maggiore di siti che offrono ai propri utenti la possibilità di acquistare  fan per le proprie fan page.
I prezzi sono piuttosto competitivi, permettendo di acquistare migliaia di fan per poche centinaia di dollari, ma fino a che punto l’utilizzo di questi servizi può essere utile?
I fan acquistati i fatti potrebbero non partecipare alla “vita” della pagina, e restare quindi solo un “numero”.
Questa situazione può essere comunque positiva in quanto mostra una fan page con un considerevole numero di fan, benché ci sia il rischio di poche interazioni.
Ed è proprio sulla questione delle interazioni che vorrei riflettere.
Se infatti i fan sono reali, veri utenti dei nostri prodotti o servizi, sarà più probabile che interagiscano con la nostra pagina, condividendo contenuti e commentando; ma i fan “acquistati” difficilmente si comporteranno in questo modo, anche se la loro presenza, come numero, potrà rendere più invitante la nostra pagina e convincere più persone a seguirla.
Ci teniamo comunque a ricordare che il successo di una fan page non è dato solo dal numero di fan, bensì anche dalle interazioni di questi utenti con la pagina.
Se infatti gli utenti contribuiscono alla vita della fan page, questa risulterà comunque interessante anche se i fan non saranno tantissimi.
Insomma, anche nel caso delle fan page, può valere il detto “pochi, ma buoni!”

English Please:

Buying Facebook fans?

An increasing number of websites offers the opportunity to buy fans for company fan pages on Facebook.
But is it really worth the money?
If you’re just searching for fans on tour page to show other potential fans that you nave a well established page, buying fans could be a good idea, but remember that a fan page is interesting also based on the interactions on the page, and bought fans twill interact less with the page.


Utenti ed Internet: Guida all’Acquisto nell’Era dei Social Media

Scritto da Elena on . Postato in Our world

Internet è sempre più diffusa, e gli utenti ne fanno un sempre maggiore uso per prendere decisioni riguardo ai propri acquisti.



Utenti ed Internet

Gli utenti si sffidano ogni giorno di più ad internet per ottenere informazioni prima di procedere ad un acquisto




Nell’era di Internet e dei Social Media, stanno cambiando anche le abitudini degli utenti, che utilizzano le nuove tecnologie sempre più spesso per prendere decisioni riguardo ai propri acquisti.

Se però talvolta le aziende sembrano ancora troppo interessate ad una forte presenza sui motori di ricerca, spesso queste ignorano che gli utenti non basano le proprie decisioni solo sulle informazioni che riescono a reperire da una ricerca online.

Da una recente ricerca risulta infatti che parte integrante del processo che porta all’acquisto è data anche dai Social Media.
Gli utenti partono infatti da una ricerca per raccogliere le informazioni principali sul prodotto, per poi andare ad effettuare controlli più approfonditi, in cui gli utenti cercano recensioni di altri utenti, e pareri sui vari Social Media.

Insomma, la semplice presenza in prima pagina su un motore di ricerca non è più sufficiente, se questa non porta anche a raggiungere recensioni scritte da utenti, che siano su blog o su Social Network.

Curare la propria presenza su questi nuovi strumenti è quindi sempre più importante, come è sempre più importante prestare attenzione ad eventuali lamentele degli utenti, per essere almeno in grado di rispondere in prima persona alle critiche mosse ai nostri prodotti, cosa che può influire positivamente sulla percezione che gli utenti hanno della nostra azienda.

[SearchAdvertising Blog]

English Please:

How Search and Social Media are Affecting the Buying Process

A recent research shows how users are using Internet to take decisions about products to buy.
At first, they use search engines to find general informations about the product, but in a second time, users try to find other users’ reviews about the products they’re thinking about.

It’s becoming more and more important for brands to be active on social media, to be able to answer questions and find solutions for problems our products may have.

Facebook: Cambia il “Mi Piace”, diventa come “Condividi”. Quali Conseguenze?

Scritto da Elena on . Postato in Digital World

Facebook ha cambiato la funzionalità del bottone “mi piace”, rendendolo come il bottone “condividi”. Esaminiamo le possibili conseguenze (positive)

 

Facebook Like

Facebook cambia la funzionalità del "mi piace", rendendola uguale alla funzionalità del "condividi"

Recentemente, Facebook ha deciso di modificare la funzionalità del bottone “mi piace”, rendendolo di fatto identico al bottone “condividi”.
Con questa modifica della funzionalità, quando l’utente seleziona il nuovo “like”, il contenuto viene condiviso in modo più ricco nella sua bacheca, proprio come se avesse selezionato esplicitamente la condivisione.
E’ anche possibile, dopo aver cliccato “like“, inserire un commento.

Le conseguenze di questa modifica potrebbero essere davvero importanti.
Se infatti pensiamo alla visibilità che ottiene un link condiviso, bene in evidenza nella pagina del profilo dell’utente, ed alla larghissima diffusione di Facebook, possiamo facilmente immaginare come, soprattutto grazie a questa modifica di funzionalità, il traffico che il “like” sarà in grado di generare verso il nostro sito, possa aumentare.

Facebook è infatti ormai una delle fonti principali di accesso ai siti, proprio per il tempo che le persone passano sul Social Network (diventato ormai una vera e propria “seconda casa” per molti utenti).

Questa modifica potrebbe però avere un impatto positivo inferiore al previsto.
Se infatti prima gli utenti sapevano distinguere le differenze tra i due bottoni, e consideravano il like meno “impegnativo“, un domani forse non troppo lontano, potrebbero comprendere la nuova importanza del like, e diventare quindi più selettivi nel cliccare il pulsante sui siti internet.

Sarà comunque interessante osservare, da adesso, le statistiche di accesso ai nostri siti, per verificare l’importanza e l’impatto di questa modifica.

[Vincos, Mashable]

English Please:

Facebook’s New Like Button may Change your site’s popularity, in a good way

In the past days, Facebook rolled out a new update on its like button.
Now it behaves like the “share” button, and puts a well visible link on the user’s profile page, giving the liked page more visibility than before.
This may change (for the best) your site’s visibility.

But what if users will now think liking a web site is more “important”?
Will they be more careful before clicking on the button?

It will be interesting, in the next days, checking out our site’s access statistics to see in which way things will change.


© Gu! La comunicazione in Jeans • Un Blog di
Creativi Digitali s.n.c. • P. iva 07451130962 • Tutti i diritti riservati.