Gmail diventa un video parodia: G-male, il fidanzato perfetto

529

Google o si ama o si odia. Cosa sta dietro al grandissimo potere di questo colosso e cosa se ne fa delle informazioni personali degli utenti? Un video parodia sdrammatizza l’attenzione nei confronti del tema della privacy.

Di Google si sa più  o meno tutto: che è efficiente, servizievole, tecnologicamente avanzato, quasi empatico con le esigenze degli utenti. Ma cosa sa Google di noi? Una folta schiera di dietrologi ed esperti web hanno una sola risposta: tutto. Perché un’entità superiore come Google deve per forza essere a conoscenza di ogni piccolo dettaglio relativo ai suoi utenti. Il dibattito sulla privacy è ovviamente accese, ma i poteri per contrastare quello che sembra un vero e proprio delirio di onnipotenza non moltissimi.

L’unico modo per sdrammatizzare? Puntare sull’ironia: il sito Comediva ha infatti creato un video con protagonista un aitante giovane, G-male, il fidanzato perfetto, al quale però si accede solo su invito.

Per creare un parallelismo con Google, se già non ce ne fossero abbastanza nel nome, ecco che questo fidanzato perfetto soddisfa la sua ragazza come un perfetto compagno: è un’agenda vivente, ha le mappe incorporate e sa sempre dove andare, è perfetto con gli amici di lei e li accoglie sistematicamente inserendoli in cerchie.

Ma non è tutto perfetto: G-mail sa davvero troppe cose della sua fidanzata, ed è dovunque. Una bella parodia, insomma, che farà pensare, ma anche sorridere. Eccola: