Twitter, gli italiani sono i più tristi: lo dice una ricerca

773

Può un social network raccontare gli umori di un intero paese? Sì, se parliamo di Twitter, sul quale moltissime ricerche sono state effettuate, proprio perché fonte attendibile e cartina al tornasole dei trend e delle attitudini degli utenti che lo usano. Uno studio oggi racconta che l’Italia, da un’analisi di centinaia di tweets, è al terzultimo posto tra i paesi più tristi in assoluto. Ma sarà poi vero?

L’ultima ricerca parlava di gruppi e caste su Twitter, nel quale si riconoscevano utenti allegri e infelici e decretava senza ombra di dubbio che i primi si riunivano tra loro e i secondi idem, a formare dei veri e propri clubs esclusivi. L’Università di Cambridge invece è andata oltre: ha cercato di capire quali sono i Paesi più felici del mondo. Una strenua analisi dei tweet per arrivare alla conclusione che l’Italia campeggia al terzultimo posto tra i più infelici. In sostanza, gli utenti, condividendo e esprimendo il loro pensiero rispetto ai fatti dell’attualità del Belpaese, rifletterebbero un malumore generale, che ci ha spedito agli utlimi posti della classifica.

I tedeschi brillano in prima posizione come “più felici“, mentre, in Usa, sono gli abitanti del Tennessee a rappresentare il modello di popolazione ottimista. Il Nevada inceve, cala in ultima posizione, tra i paesi più “preoccupati”.

Per quanto questo tipo di ricerca sia sempre curiosa, ci si domanda se siano o no attendibili: può davvero un social network come Twitter raccontare tuti questi dettagli di un intero Paese?