Il potere dell’immagine: il caso dei doodles di Google

1005
Il primo Doodle di Google, Burning Man, 1998

Non è solo un grande motore di ricerca, ma anche un pozzo di informazioni preziose e di creatività. Google e i suoi doodle, animazioni e grafiche ideate da un team specializzato per celebrare determinate ricorrenze non fanno altro che rimarcare il potere delle immagini, che continua ad affascinare il popolo del web, e non solo.

Il primo Doodle di Google, Burning Man, 1998

Sui giornali, ma anche sul web, e ancora in tv, il potere delle immagini è quello che più di ogni altra cosa ha impatto sull’opinione pubblica. Una frase può essere pronunciata in molti modi diversi per far sì che venga recepita in un certo modo, ma l’efficacia di un’immagine, una foto, una grafica ben fatta supera di gran lunga il linguaggio verbale.

Dalle parti di Google questo devono averlo capito molto tempo fa: precisamente nel 1998, quando un team di grafici e creativi ideò il primo doodle della storia, Burning man. Da allora, per ogni ricorrenza, ovviamente contestualizzata al paese d’arrivo (un calendario fitto di eventi e celebrazioni), Google propone ai suoi utenti un logo rivisitato, il più delle volte animato e fruibile direttamente con un click del mouse. Dimostrazione lampante che un’immagine può comunicare più di un articolo o di un titolo strillato, basti pensare a quando, nei giorni tristi del  mondo, quelli che ricordano ricorrenze tragiche e mortali, Google perde i suoi colori e si trasforma in un logo grigio, in tono con il sentimento generale.

Trasformare un logo, già di per sè garanzia di riconoscimento, in un gioco (Pacman vi dice qualcosa?), in una chitarra (la Gibson dello scorso 9 Giugno cosa vi ricorda?), in un reminder di un evento astronomico (l’eclissi di luna del 15 Giugno), non fa altro che rafforzare la convinzione che, dalle parti di Google il potere dell’immagine sia stato non solo percepito, ma anche potenziato ai massimi livelli. Per la gioia degli utenti di tutto il mondo che ogni giorno si godono i doodle più creativi che siano mai stati inventati.